Mathieu Asselin

Matthieu Gafsou
29 maggio 2018
Carlos Spottorno
29 maggio 2018


Monsanto®: The Book

Di Mathieu Asselin

Mostra curata da Sergio Valenzuela Escobedo

Dozzine di siti Superfund della Monsanto® (ampi siti contaminati ad alta criticità, secondo l’agenzia statunitense Environmental Protection) negli Stati Uniti stanno colpendo centinaia di comunità e il loro territorio con terribili conseguenze sanitarie ed ecologiche. Monsanto® ha forti legami con il governo degli Stati Uniti e in particolare con la FDA (United States Food and Drugs Administration). L’azienda mantiene rapporti ravvicinati con numerose altre potenze economiche e politiche in tutto il mondo, si impegna in campagne di disinformazione e nell’osteggiare istituzioni e singoli individui, come scienziati, agricoltori e attivisti che osano rivelare i suoi crimini. Monsanto® sta aprendo la strada a nuove tecnologie e nuovi prodotti, mentre scienziati, istituzioni ambientaliste e organizzazioni per i diritti umani stanno lanciando allarmi su temi come salute pubblica, sicurezza alimentare e sostenibilità ecologica, temi da cui dipende il nostro futuro su questo pianeta. Questo è particolarmente inquietante dal momento che Monsanto® sta iniziando una nuova fase di non curanza nei confronti del nostro pianeta, attraverso la creazione e la commercializzazione di OGM. Guardando il passato e il presente dell’azienda, questo progetto mira a immaginare a cosa assomiglierà il futuro sviluppo di Monsanto®.

 

La mostra è prodotta da Spazio Labò con il sostegno del comune di Bologna.

 

BIO

Mathieu Asselin (FR/VEN, 1973) vive e lavora tra Arles, Francia e New York. Ha iniziato la sua carriera lavorando nell'ambiente cinematografico a Caracas, in Venezuela, ma ha plasmato la sua pratica fotografica negli Stati Uniti.

Il suo lavoro consiste principalmente in progetti documentaristici a lungo termine, come il suo ultimo libro "Monsanto: A Photographic Investigation", che ha ricevuto il plauso internazionale, vincendo il Kassel FotoBook Festival Dummy Award nel 2016, l'Aperture Foundation First Book Award nel 2017 ed è stato selezionato per il Deutsche Börse Photography Foundation Prize nel 2018. Les Rencontre d'Arles in Francia, Photographer’s Gallery a Londra, il Fotomuseum Antwerp in Belgio e il Parlamento Europeo a Strasburgo sono tra le sedi più recenti in cui il suo lavoro è stato esposto.


Inaugurazione


venerdì 8 giugno ore 18.00

Nelle tre giornate inaugurali le mostre osserveranno il seguente orario: venerdì 8 giugno, dalle 18 alle 22, sabato 9 e domenica 10 giugno, dalle 10 alle 22.

Orari


Dall' 11 al 28 giugno 2018
dal martedì al sabato

dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30
sabato 15.30 alle 19.30

domenica chiuso  

Spazio


Officine Fotografiche Roma

via Giuseppe Libetta, 1, 00154 Roma