Giovanni Pulice

Collettiva degli Allievi del Rossellini
29 maggio 2018
Dario Mitidieri
24 maggio 2018


Displaced

di Giovanni Pulice

mostra curata da Giulia Tornari

in collaborazione con ZONA, da un progetto di inclusione sociale di Sport Senza Frontiere Onlus con il sostegno dell’UNHCR

 

Displaced è il racconto di una speranza, quella che accompagna tanti giovani che dopo viaggi estenuanti approdano in un Paese dove sperano di prendere il volo per cominciare una nuova vita. Una speranza nutrita e alimentata attraverso iniziative di alcune organizzazioni per aiutare i migranti e rifugiati nell’integrazione.

Il lavoro di Giovanni Pulice realizzato in collaborazione con ZONA, nasce all’interno di “First Aid Sport” un progetto di inclusione sociale portato avanti da Sport Senza Frontiere Onlus con il sostegno dell’UNHCR e racconta del tempo dell’attesa per ottenere un eventuale riconoscimento di “rifugiato”. Durante questo periodo che dura qualche anno, i richiedenti asilo vengono ospitati nei centri gestiti dalle Prefetture (CAS), nella cosiddetta prima accoglienza, oppure dai Comuni che aderiscono al Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) o nelle case famiglie. I traumi subìti, il senso di smarrimento per aver dovuto lasciare il proprio Paese e le proprie famiglie, rendono queste persone particolarmente vulnerabili. Una fragilità acuita dai lunghi tempi di attesa e di incertezza, vissuti in centri di medie e grandi dimensioni, spesso isolati dalla città e dalla “vita normale” e privi di opportunità di conoscenza del territorio e di socializzazione con la popolazione locale.  Lo sport, si sa, è un potente strumento d’inclusione: riduce l’isolamento, le basse aspettative sul futuro e le difficoltà relazionali, migliora eventuali difficoltà motorie e di coordinazione dovute ad eventuali malattie psico-fisiche dovute alle esperienze traumatiche e rafforza la fiducia in se stessi .

I beneficiari di “First Aid Sport” sono donne, uomini e bambini  tra gli 8 e i 26 anni, che grazie a Sport Senza Frontiere praticano karate, calcio, basket, atletica/corsa, duathlon, pallavolo, basket, judo, pugilato, badminton e nuoto, nelle città di Milano, Napoli e Roma.

BIO

Giovanni Pulice nasce a Gioia Tauro (RC) nel 1991. Si avvicina alla fotografia durante gli scontri di Rosarno (RC) nel 2010 con la rivolta dei braccianti Africani. Decide di iniziare a studiare fotografia e si iscrive all'Istituto Europeo di Design a Roma. Inizia ad approfondire il tema dell'immigrazione raccontando e documentando le vite dei migranti una volta arrivati in Italia. Terminati gli studi inizia a collaborare con vari giornali occupandosi di politica e cronaca nazionale. Ha lavorato come videomaker per SKY e Corriere della Sera. Dal 2016 collabora con l'agenzia CONTRASTO.


Inaugurazione


venerdì 8 giugno ore 18.00

Nelle tre giornate inaugurali le mostre osserveranno il seguente orario: venerdì 8 giugno, dalle 18 alle 22, sabato 9 e domenica 10 giugno, dalle 10 alle 22.

Orari


8/19 giugno

Venerdì 8   18.30  22.00

Sabato 9- domenica 10     10.00-22,00

Lunedì 11  9.00 -14.00    17.00-  21.30

Martedì 12  9.00 -14.00 

Mercoledì 13  9.00 -14.00    

Giovedì 14  9.00 -14.00

Venerdì 15  9.00 -14.00    

Venerdì 15  9.00 -14.00    

Lunedì 18 e martedì 19 l'ingresso sarà con orario 10-14

Spazio


Istituto di Istruzione Superiore Statale - Cine-tv "Roberto Rossellini"

succursale di Via Giuseppe Libetta, 14